You are here: Home // Eventi // Gricignano, un successo la “Via Crucis” tra le strade del paese

Gricignano, un successo la “Via Crucis” tra le strade del paese

Gricignano d’Aversa (Caserta) – In occasione della Pasqua la comunità gricignanese si è immersa nel vivo con la rappresentazione de “La via Crucis”. Quest’anno è andata in scena la seconda, che torna a far parlare di sè. La “via crucis” celebra la vita che vince sulla morte; è questa la finalità che si prefigge l’associazione socio-culturale “Sant’Andrea” in collaborazione con l’amministrazione comunale. L’evento-serata è diventato il fiore all’occhiello per esprimere l’amore e mostrare a tutti la passione di Cristo.

Via Crucis Gricignano

La riuscita della manifestazione è merito di Vincenzo Carusone e dello sfaff che hanno saputo guidare e dirigere il tutto, animato da scene recitate, effetti visivi e sonori, con un unico scopo: quello di emozionare. Si trattato di una recita a cielo aperto che ha richiamato numerosissime persone. Dalla prima stazione si è aperto il sipario di scene struggenti, scene che hanno vivere un’atmosfera di preghiera e commozione.

Tra partecipanti, adulti e bambini, giovani e ragazzi. È stato non solo un momento di condivisione di valori, ma di un’esperienza religiosa da tramandare alle nuove generazioni. Lo spettacolo è stato di forte impatto emotivo, registrando consensi e apprezzamenti. Non sono mancati scroscianti applausi, con spettatori accorsi anche dai paesi limitrofi. Nel susseguirsi delle scene, i figuranti hanno indossato vestiti d’epoca, con un’immedesimazione nella parte, molto intensa. Il lungo corteo con il Cristo, stremato, morto e sofferente, le donne, con il velo di tristezza, e la madonna Addolorata, con il volto di rabbia e dolore, hanno trasmesso un’esplosione di carica emotiva.

L’intensità delle scene è stata curata nei minimi dettagli, con cartelli e locandine; la scena con Gesù nell’ultima cena, il monte degli ulivi, il processo e la condanna, poi la flagellazione, infine la crocifissione con i ladroni, il centurione con la lancia, il pianto della madre per il figlio morente, e ancora la simulazione del terremoto, interpretato anch’esso in modo molto realistico. Tanti giovani, hanno preso parte al percorso recitativo che si è snodato su un percorso suggestivo conclusosi sul palco allestito, nel cuore del paese in Piazza Municipio, per la crocifissione di Gesù. Nel momento culminante, eccellente anche l’interpretazione dell’attore, illuminato dalla luce per risaltare l’immagine. Ciò ha provocato una indescrivibile emozione.

Anna Dello Margio

Tags: , ,

Leave a Reply

Copyright © 2010 Comunico Caserta. All rights reserved.
Designed by Diego De Nardo e Angelo Evangelista