You are here: Home // Attualità // Maddaloni, Robocup, che festa al Villaggio, gli istituti tecnici si sfidano tra robot ed alta tecnologia

Maddaloni, Robocup, che festa al Villaggio, gli istituti tecnici si sfidano tra robot ed alta tecnologia

Maddaloni (Caserta) – Mercoledì 13 marzo 2019, si è svolta la prima RoboCup “Villaggio dei Ragazzi”. La gara è l’atto conclusivo del progetto di robotica denominato: “Bot Project: un robot in ogni classe”. Il progetto, ideato dal Coordinatore scolastico degli Istituti Tecnici, ing. Claudio Petrone, e coordinato dai docenti Luca A. Vandro, Viviana Di Vilio e Rosalia Lombardi, ha coinvolto tutti gli studenti dell’Industriale dell’ente maddalonese, che si sono sfidati a colpi di alta tecnologia, in virtù anche di una fase impegnativa di training svoltasi in orario extra scolastico.

RoboCup

Le squadre che hanno superato con destrezza ed abilità tutte le prove, salendo sul gradino più alto del podio, sono state: la 4A, vincitrice della gara di Robot Soccer, ovvero robot utilizzati per giocare a varianti del calcio; la 3A, vincitrice della gara di Robot Sumo, ovvero robot da combattimento programmati per fare quello che fa un vero lottatore di sumo, cioè spingere il proprio avversario fuori dal ring.

La 3A ha anche conseguito il “Premio Speciale” (una webcam di ultima generazione) per il miglior coefficiente di difficoltà realizzato nell’ambito delle due prove. “Lo sviluppo di questa attività extracurricolare e il notevole grado di attrazione che questa esercita sui giovani – ha dichiarato il Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi, Felicio De Luca – aiuta, fra l’altro, a prevenire i sempre più allarmanti fenomeni di esclusione sociale e di dispersione scolastica.

Sono questi percorsi educativi e formativi – ha concluso Petrone – in grado di favorire apprendimenti e acquisizione di competenze trasversali, utili alla crescita personale dei nostri studenti”.

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Copyright © 2010 Comunico Caserta. All rights reserved.
Designed by Diego De Nardo e Angelo Evangelista