You are here: Home // Comunicati // Napoli, violenze, il Coisp dice basta

Napoli, violenze, il Coisp dice basta


Napoli – Nella giornata odierna, si è assistito all’ennesimo episodio di ordinaria violenza cittadina, infatti oltre 200 manifestanti – disoccupati e studenti – hanno circondano da vicino la sede della Questura di Napoli fronteggiati da un duplice cordone di carabinieri e poliziotti in assetto antisommossa.

I manifestanti chiedevano il rilascio di due loro compagni fermati dalla Polizia alcune ore prima durante i tafferugli avvenuti in Piazza del Gesu’ a margine della cerimonia per la festa dell’Immacolata con la partecipazione dell’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe. Addirittura cinque blindati dei Carabinieri sono stati costretti a sbarrare via dei Fiorentini, strada laterale adiacente alla Questura, mentre un blindato del-la Polizia veniva posto davanti all’ingresso di via Medina per rinforzare il cordone di prote-zione.

In via Monteoliveto, a poche decine di metri, sei cassonetti della nettezza urbana so-no stati rovesciati e collocati al centro della carreggiata e dati alle fiamme. Sul posto hanno operato anche unità della polizia Municipale; è stato utilizzato anche un ‘bob cat’ per la ri-mozione dell’immondizia che i manifestanti hanno sparpagliato sulla strada.

Dura la posizione del Sindacato di Polizia Coisp : “Tutto ciò non è assolutamente tollerabile – dichiara il Segretario Generale della Campania Giuseppe Raimondi del Sindacato di Polizia Coisp – Pur essendo sensibili alle purtroppo gravi esigenze di coloro i quali si vedono da questo Governo depauperati di un diritto sancito dalla Costituzione, e precisamente all’art. 1 della Legge per eccellenza, la società civile non può rimanere ostaggio e vittima di “gruppi di facinorosi” pronti a cercare lo spunto per scatenare la violenza.

Probabilmente occorrereb-be adottare una politica di contrasto a questi fenomeni, più incisiva tale da garantire tutti i diritti in egual misura: sia il diritto di manifestare che quello di poter vivere la propria sfera privata senza pericoli.

Un messaggio di solidarietà va a tutti i colleghi che quotidianamente sono chiamati a fronteggiare questi problemi, dall’emergenza rifiuti a quella lavorativa non trascurando il problema legato alle riforme scolastiche; questi colleghi, con altissima pro-fessionalità affrontano situazioni critiche, nonostante i loro stessi diritti siano continuamen-te calpestati sia dal governo che dalla stessa Amministrazione.


Tags: , , ,

Leave a Reply

Copyright © 2010 Comunico Caserta. All rights reserved.
Designed by Diego De Nardo e Angelo Evangelista