You are here: Home // Attualità // No Triv: incontro informativo per il voto del 17

No Triv: incontro informativo per il voto del 17

Caserta – I poteri forti, complice lo Stato e l’omertà, vogliono trivellare molto vicino le coste italiane, nel sottosuolo marino, alla ricerca ed estrazione di idrocarburi. Il rischio è alto per la popolazione che è sempre meno informata. Sel propone un incontro informativo

No triv
Care compagne, cari compagni,
Care amiche, cari amici,

il 17 Aprile i cittadini italiani saranno chiamati ad esprimere il loro voto in quello che è stato denominato Referendum sulle Trivellazioni: il quesito riguarda infatti le attività di ricerca e di estrazione di idrocarburi in mare, in particolare nelle acque italiane entro le dodici miglia marine dalla costa.

Siamo convinti che a questa chiamata al voto vada risposto con un SI’ chiaro, forte ed inequivocabile.

SI’
perché la legge approvata contiene l’ennesimo favore agli “amici potenti”, ai “poteri forti”: vengono vietate tutte le nuove concessioni estrattive entro le 12 miglia marine ma allo stesso tempo viene eliminato il limite di durata di quelle esistenti (precedentemente di 30 più al massimo 20 di proroga) portandolo “fino a vita utile del giacimento”, in pratica senza fine. I benefici saranno di pochi, i rischi di tutta la popolazione italiana.

SI’
perché non può esserci compatibilità tra la presenza di attività inquinanti ad alto rischio a ridosso delle nostre coste e la necessità di tutela del territorio.

SI’
perché, nonostante l’ostruzionismo ed il silenzio imposto dal Governo, questo voto è l’occasione per rimettere al centro del dibattito politico la Strategia Energetica e Ambientale nazionale: puntare su un Paese fuori dall’era delle fonti fossili ed investire nella direzione di un futuro 100% rinnovabile.

SI’
perché non è più possibile ricattare i lavoratori e i cittadini italiani chiedendogli di scegliere tra salute e lavoro: non vogliamo che ci siano altri casi Ilva. Una corretta programmazione industriale, confortata dalla certezza delle scadenze, non metterebbe a rischio alcun posto di lavoro. Una politica scellerata sullo sfruttamento del sottosuolo marino metterebbe invece a rischio ben 3 milioni e 350mila posti di lavoro nei comparti del turismo e della pesca.

Facciamo dunque appello a tutte le associazioni, i movimenti, le forze politiche, ambientaliste e culturali della Provincia di Caserta, che da sempre lottano per la tutela dell’ambiente, per la riappropriazione dei beni comuni e per l’affermazioni dei diritti perché aderiscano e concorrano all’istituzione del Comitato Provinciale per il SI’ al Referendum sulle Trivellazioni.

Mettere insieme l’accumulo positivo di energie sociali, di saperi, di creatività, di impegno, di relazioni per affrontare l’importante e difficile sfida che questo voto rappresenta, per portare al raggiungimento del quorum e all’abrogazione dell’articolo di legge tanto offensivo e pericoloso per il nostro territorio.

Vi invitiamo dunque a partecipare all’Incontro Costituente del Comitato, che si terrà Mercoledì 23 Marzo alle ore 18.30, presso la sede della Federazione Provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà, in corso Giannone 132 a Caserta.

Vi aspettiamo.

Tags: , , ,

Leave a Reply

Copyright © 2010 Comunico Caserta. All rights reserved.
Designed by Diego De Nardo e Angelo Evangelista