You are here: Home // Cronaca // Caserta, appalti e mazzette, le indagini continuano e spunta il “comandante”

Caserta, appalti e mazzette, le indagini continuano e spunta il “comandante”

Caserta – Sono 7 le aziende riconducibili ai Caprio, Francesco e Ubaldo, che qualcuno definisce le 7 sorelle, che hanno monopolizzato gli appalti edili nel capoluogo campano, tra cui ritroviamo i lavori del Più Europa e della caserma Rispoli di Maddaloni (Caserta). Nei guai anche politici e dirigenti comunali conniventi. I dettagli dell’indagine sono stati spiegati, dal Gip Giuseppe Mecariello, in una conferenza stampa questa mattina, tenutasi presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).
guardiadifinanza-opt

L’indagine ha avuto inizio on l’assegnazione dei lavori di ristrutturazione della caserma Sacchi, la qual presentava delle presunte irregolarità che ha fatto scattare u a serie di controlli estesi poi anche alle altre aziende dei Caprio: alla Casertana Costruzioni, alla Power Group, Mediappalti, Golden Green, Gallo Costruzioni e Impresa Costruzioni.
In esame, secondo il giudice per le indagini preliminari, anche la posizione dei politici che hanno amministrato Caserta in questi ultimi anni oltre i dirigenti del comune capoluogo.
Il Gip avverte che le indagini sono tutt’altro che concluse, anzi, ci saranno ulteriori verifiche ed approfondimenti per far emergere altre responsabilità e responsabili. E sembra che i due sottufficiali non siano gli unici coinvolti nell’illecita attività, spunta infatti, un certo “comandante” su cui gli investigatori starebbero indagando.

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Copyright © 2010 Comunico Caserta. All rights reserved.
Designed by Diego De Nardo e Angelo Evangelista